Caricamento Eventi

Overview

ENZO COCCIA: L’ARTIGIANO AL SERVIZIO DI UNA DELLE ARTI PIÙ ANTICHE DI NAPOLI, LA PIZZA!

Definito “il Maestro della Pizza Napoletana” dalla Guida Michelin e “il pizzajuolo per antonomasia” dal Gambero Rosso, Enzo Coccia è oggi il punto di riferimento per la cultura della pizza napoletana

Enzo Coccia, il “Maestro Pizzaiolo” che ha saputo trasformare la pizza da prodotto popolare ad autentica eccellenza gastronomica, è oggi il punto di riferimento per la cultura della vera pizza napoletana artigianale. Di fatti, con Decreto Ministeriale n.94 dell’8 febbraio 2018, Enzo Coccia è stato nominato dal Mibact, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, membro del Comitato Tecnico di Coordinamento per l’Anno del Cibo Italiano come ambasciatore e massimo conoscitore della pizza napoletana.

IL PROFILO

Erede di una tradizione familiare nel mondo della ristorazione e della pizzeria, Coccia ha iniziato il proprio percorso di formazione fin da piccolo per trovare la sua dimensione nel mondo della pizza e tracciare chiaramente le linee che lo avrebbero guidato nella sua attività personale e professionale.

Filo indissolubile tra Enzo Coccia e il suo “monoprodotto” pizza napoletana è la passione per il lavoro di pizzaiolo, oltre naturalmente al ricorso esclusivo a prodotti di eccezionale qualità e alla conoscenza profonda della tecnica, della tradizione e del territorio.

Solo lo studio del territorio campano e delle sue materie prime, la conoscenza diretta dei migliori produttori della regione e la selezione dei prodotti più adatti da abbinare all’impasto della pizza permettono, infatti, di rendere il monoprodotto pizza napoletana una vera opera d’arte: questi sono gli ingredienti del grande successo di Enzo Coccia in Italia e nel mondo.

LE PIZZERIE

Dopo un grande lavoro di sperimentazione per offrire proposte dalla qualità e dal gusto impeccabili, Enzo Coccia inaugura tre pizzerie, dove l’amore per il proprio lavoro si identifica con il piacere di cucinare per gli altri e renderli felici: La Notizia 53 dove esprime se stesso con una pizza tradizionale di grande pregio, La Notizia 94 dove osa originali abbinamenti e nuovi percorsi e stimoli sensoriali e ‘O Sfizio d’’a Notizia dove conferisce lustro e dignità a due preparazioni popolarissime, la pizza fritta e la ‘mpustarella.

PIZZA CONSULTING

Difensore accanito della qualità e della tradizione, Enzo Coccia fonda nel 2000 Pizza Consulting, una società di consulenza e formazione volta a insegnare la difficile arte della pizza e difenderla da false e cattive imitazioni, tutelando così l’indiscussa protagonista della sua vita quotidiana e diventando quindi il vero Maestro della pizza napoletana artigianale in tutto il mondo.

IL PROFILO

“Non sono un’artista. I musicisti, gli scultori, i pittori lo sono.

Sono un artigiano al servizio di una delle arti più antiche di Napoli, un pizzajuolo.

Un pizzaiolo con un’identità, un cervello e un’anima”.

Enzo Coccia si definisce un artigiano della pizza, ma è riconosciuto da molti come il mâitre à penser della pizza napoletana, l’iniziatore della rivoluzione della pizza contemporanea napoletana di qualità.

Fin da piccolo si appassiona all’arte della lievitazione e quando prende in mano le redini dell’attività di famiglia con la pizzeria “La Fortuna” decide di puntare tutto sulla pizza.

Studia, si documenta, raccoglie libri e testimonianze su quella che è la “vera” pizza napoletana.

Frequenta un Master su “Le tradizioni e le culture alimentari dei popoli del Mediterraneo” all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli e prende parte a un programma di educazione alimentare per far conoscere e riconoscere, attraverso il gioco e il divertimento, toccando e assaggiando, la qualità degli ingredienti che compongono il piatto caro a grandi e piccoli di tutto il mondo.

Dirigente dell’Associazione Vera Pizza Napoletana dal 1995 al 2000, successivamente Fonda l’Associazione Pizzaiuoli Napoletani, nota per essersi battuta per la registrazione del marchio comunitario STG (Specialità Tradizionale Garantita) presso il Ministero delle Politiche Agricole, e partecipa al processo di certificazione di qualità della Pizza Napoletana dell’Università di Napoli Federico II, tenendo spesso corsi di formazione per pizzaioli e corsi e master universitari.

La tensione continua verso la conoscenza sempre più approfondita dei prodotti e delle loro origini ha portato Enzo e le sue pizzerie sulle pagine di testate e magazine italiani e internazionali che gli hanno dedicato articoli e interviste, come Gambero Rosso, New York Times, Wall Street Journal, The Daily Telegraph e Le Monde.

Per Coccia l’onore più grande è quello di rappresentare la pizza napoletana artigianale di qualità e trasmettere in Italia e nel mondo il calore e la cordialità di Napoli offrendo attraverso le sue pizze ciò che di meglio regala la Campania!

IL MONOPRODOTTO PIZZA NAPOLETANA DI ENZO COCCIA

“La pizza è la quintessenza dell’arte culinaria napoletana,

il piatto più celebrato e imitato della gastronomia partenopea

e in quanto tale deve diventare una vera e propria opera d’arte nelle sapienti mani dell’artigiano”.

A Enzo Coccia il merito di aver osservato il monoprodotto pizza napoletana con il rigore dell’approccio scientifico. Tralasciando il folclore, i luoghi comuni e le false credenze, Coccia ha spiegato il motivo per cui alcuni fenomeni si sviluppano e alcune materie prime danno luogo a particolari risultati e per cui lievi differenze nella preparazione sono in grado di creare pizze con caratteristiche sensoriali diverse e determinate.

“La farina, l’acqua, il lievito e il sale” – spiega Coccia – “sono tra gli ingredienti più comuni adoperati in cucina, tuttavia la loro natura, le reciproche interazioni e quindi il rapporto relativo e la sequenza temporale con cui vengono miscelati influiscono in modo determinante sulle proprietà reologiche e organolettiche dell’impasto. Allo stesso modo il tempo, l’umidità e la maniera con cui sono effettuate tutte le fasi della preparazione e della cottura si rifletteranno sulle caratteristiche della pizza: l’aspetto, l’aroma, il sapore e la sua stessa digeribilità”.

Per il Maestro Enzo è sufficiente una sfumatura, un dettaglio, un “segreto” per far sì che un prodotto, tanto apparentemente semplice, diventi unico e contraddistingua un pizzaiolo di qualità dall’altro.

Come tutte le attività artigiane, infatti, la preparazione della pizza segue una sequenza ben definita di operazioni che dalle materie prime porta al prodotto finito: l’impasto, la lievitazione, la preparazione e la formatura dei panetti, la manipolazione e l’ottenimento del disco di pasta lievitato, la guarnitura, la cottura nel forno di mattoni refrattari alimentato a legna.

Questi momenti devono essere affiancati secondo Enzo a una buona dose di personalizzazione: “Ciascun pizzaiolo – spiega infatti – deve eseguire queste diverse operazioni in modo personalizzato per ottimizzare le procedure e conferire al prodotto finale le caratteristiche che si ritengono ottimali”.

Per Enzo Coccia il “segreto” per ottenere il risultato desiderato è conoscere la composizione delle materie prime, il comportamento e la struttura dell’impasto e le caratteristiche organolettiche della pizza.

Solo così, infatti, si può avere completa padronanza di un’arte sviluppata con la pratica nei secoli e che ha reso la pizza un prodotto tipico, frutto dell’esperienza dei pizzaioli napoletani.

LE “PIZZARIE” DI ENZO COCCIA

Dopo un grande lavoro di sperimentazione per offrire proposte dalla qualità e dal gusto impeccabili, Enzo Coccia inaugura la sua prima “pizzaria”, dove l’amore per il proprio lavoro si identifica con il piacere di cucinare per gli altri e renderli felici.

Il nome scelto è “La Notizia”, in onore del capolavoro di Orson Welles Quarto Potere in cui il protagonista afferma che “se il titolo è grande, la notizia diventa subito importante”. In breve tempo la pizzeria di Enzo diventa un caso cittadino, proprio come il titolo di un articolo di giornale.

LA NOTIZIA 53

Inaugurata il 25 giugno 1994, è la prima pizzaria di Enzo Coccia, situata in un locale di 38 mq in via Michelangelo da Caravaggio 53, una zona poco commerciale fra i quartieri Vomero e Fuorigrotta.

La Notizia 53 rappresenta fin da subito il luogo dove Enzo esprime se stesso con una pizza tradizionale di grande pregio e un ambiente curato in ogni dettaglio.

Nel 2011 la sede storica si amplia fino a diventare un locale capace di ospitare 90 coperti.

In questa pizzeria c’è il “dove” di Enzo Coccia: Napoli e la Campania sono, infatti, le vere protagoniste a suggellare il rapporto tra Enzo e la sua terra, unica per sapori, profumi e colori e riproducibile grazie ai migliori prodotti alimentari del territorio.

Qui le parole d’ordine sono Identità, Unità, Piacere.

La Notizia 53

Via Michelangelo da Caravaggio, 53

Tel: +39 0817142155

LA NOTIZIA 94

Nel 2010 Enzo apre la seconda pizzeria, nella stessa via della precedente ma al numero 94, per offrire nuovi orizzonti gustativi ai propri ospiti, favorendo l’innovazione e avviando così la strada alle pizze meno classiche.

In questa pizzeria c’è l’“altro” di Enzo Coccia che rappresenta l’autentico laboratorio di creatività, dove si osano originali combinazioni e nuovi percorsi e stimoli sensoriali anche grazie agli abbinamenti di vini, spumanti e birre artigianali.

La Notizia 94 mette alla prova il senso comune e la fantasia del commensale, in un continuo gioco di luci e di colore, dal grigio delle pareti al rosso vivo del cristallo che ricopre la cupola del forno fino ai tre punti luminosi che attirano l’attenzione sulle performance del pizzaiolo.

Creatività, evoluzione, ragionamento, cultura, apertura e voglia di fare si combinano per stimolare l’appetito e prolungare il piacere.

Questa è La Notizia 94: la prima pizzeria al mondo a essere segnalata nella prestigiosa Guida Michelin e insignita della forchetta, della quale si fregia dall’anno di apertura.

La Notizia 94

Via Michelangelo da Caravaggio, 94

Tel: +39 08119531937

‘O SFIZIO D’’A NOTIZIA

L’ultima “creazione” di Enzo Coccia è ‘O Sfizio d’’a Notizia, inaugurata nel 2016 ancora in via Michelangelo da Caravaggio, ma ai numeri 49/51.

In questa pizzeria c’è lo “sfizio” di Enzo Coccia, il desiderio di conferire lustro e dignità a due preparazioni popolarissime: la pizza fritta e la ‘mpustarella (ossia qualcosa a metà tra il pane pizza e il pane).

Qui la pizza fritta di Enzo Coccia nasce completamente rinnovata e diventa un prodotto elegante e profumato, asciutto, leggero e altamente digeribile, con tutte le carte in regola per essere considerato un capolavoro della nostra gastronomia.

Le ‘mpustarelle allo stesso modo nascono da un lungo e appassionato lavoro di ricerca che ne ha rintracciato la storia, riscrivendola e rimodellandola su nuove possibilità creative: da storica merenda, sostanziosa ed economica, tipica di operai e addetti alle mansioni più umili e faticose diventa qui un prodotto originale ed esclusivo che ha conquistato un proprio mondo e un posto d’eccellenza, lo stesso che occupano i piatti raffinati dell’alta ristorazione.

Una tradizione antichissima e slanci più innovativi e contemporanei hanno portato Enzo alla scelta di utilizzare ripieni di altissima qualità e di affiancare alle proprie creazioni grandi bollicine, italiane e francesi.

‘O Sfizio d’’a Notizia

Via Michelangelo da Caravaggio, 49/51

Tel: +39 0817148325

 

Location
Via Schiavonesca Marosticana, 15 Asolo,
Time & Date
03, Mag 2018 - From: 08:00 pm To: 11:30 pm

Features & Amenities

Location